Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_TI_5_Hero_Baybridge-IMG_5424b copy-sized

Trip 3-5 giorni 10 stops

Itinerario circolare della baia di San Francisco

Questo itinerario circolare mostra il meglio della Bay Area, una regione variegata, dinamica e affascinante, con città animate, ottimi vini e incredibili meraviglie naturali. Partite alle porte di San Francisco, una delle città più belle del mondo, e risalite verso nord sul Golden Gate Bridge. Esplorate i parchi sulla costa prima di proseguire in direzione nord-est verso le regioni dei vini di Napa e Sonoma. Continuate a spostarvi in tondo sulla baia e fate tappa al Six Flags Discovery Kingdom, ricco di giostre e animali esotici, e poi a Oakland, città dell’East Bay famosa per gli ottimi ristoranti. Guidate quindi verso sud fino a San José e alla tecnologica Silicon Valley, patria di Google e Apple, per poi conquistare la costa alla ricerca di divertimenti per tutta la famiglia a Santa Cruz. Terminate il vostro giro a San Francisco per godervi lo shopping, i ristoranti, la vita notturna e tutte le altre attrazioni metropolitane.

Itinerario circolare della baia di San Francisco SF_GoldenGate_1280x642

Golden Gate Bridge

1
Golden Gate Bridge
Questo ponte famoso in tutto il mondo, la cui campata si allunga nell'elegante baia

Iniziate la vostra esplorazione da uno dei ponti più famosi del mondo. Il ponte più noto e fotografato al mondo si erge per 227 metri di altezza e la sua campata è proprio all’ingresso della San Francisco Bay. Famoso per il suo colore rosso davvero unico, il Golden Gate Bridge è una vista che non dimenticherete ed è il punto ideale da cui cominciare il tour della regione. Se vi state domandando per quale motivo un ponte che si chiama “Golden Gate” sia rosso e non dorato, ecco la spiegazione. La leggenda narra che l’imboccatura della baia di San Francisco, l’angusto tratto di oceano su cui si sviluppa il ponte, venne battezzata Chrysopylae (termine greco per “porta d’oro”) da uno dei primi esploratori dell’area, John C. Fremont. Pare che il capitano Fremont abbia ravvisato una somiglianza tra questo stretto e quello che a Istanbul è chiamato Chrysoceras, ovvero “corno d’oro”. Dunque sembra possibile che il ponte sia stato battezzato secondo il tratto d’acqua che attraversa. Ma perché è stato dipinto di rosso? Diciamo che si è trattato di una sorpresa. Quando venne installato per la prima volta, l’acciaio del ponte era coperto solo da una vernice rossa. Quel colore piacque a uno degli ingegneri che partecipavano alla sua costruzione ed egli suggerì di mantenerlo e contribuì a mettere a punto il colore definitivo della vernice per il ponte. Anche se il primo pensiero è percorrere il ponte in auto verso nord, possiamo assicurarvi che camminarci sopra è molto più affascinante (anche se non potrete arrivare fino in fondo). Ricordatevi che il ponte può essere freddo e ventoso, soprattutto quando c’è nebbia (un avvenimento comune in estate), per cui vestitevi a strati e portate un cappello o una felpa con il cappuccio per tenere al caldo la testa. Ci sono numerose aziende che noleggiano biciclette (due delle più popolari sono Blazing Saddles e San Francisco Bicycle Rentals); molte bici sono munite di mappe stradali dettagliate che vi mostrano il tragitto da San Francisco, attraverso il ponte, verso meravigliose città come Sausalito e Tiburon, nella vicina Marin County. Per un’esperienza davvero particolare potete prendere il traghetto per tornare in città. All’estremità sud del ponte potete trovare un bel negozio di souvenir e un caffè e percorsi che vi conducono in basso verso lo storico Fort Point, terminato nel 1861 come avamposto militare per la protezione dell’imboccatura della baia, molto prima che sorgesse il ponte. Alzate lo sguardo verso l’alto per ammirare la struttura del ponte nelle sue parti sottostanti, una spettacolare rete di travi imponenti, enormi colonne e cavi impressionanti. Risalite quindi in auto e dirigetevi a nord verso la Marin County e il più vicino bosco di sequoie costiere al Muir Woods National Monument.

Prossima Tappa
Muir Woods National Monument (11mi/18km; 21min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_T3_MUWO_140510_LRu_08_ 1280x642
Lenny Rush/NPS

Muir Woods National Monument

2
Muir Woods National Monument
Attraverso il Golden Gate Bridge per raggiungere le sequioie giganti

Guidando a nord verso la Marin County, abbraccerete con lo sguardo tutta questa meravigliosa regione, celebre per le graziose città incastonate in canyon rigogliosi e prospicienti la baia e le accidentate colline costiere. Questa zona è conosciuta anche per i parchi estesi (l’80% dell’area è protetta), uno dei più noti dei quali è il Muir Woods National Monument, che tutela l’ultimo baluardo di antiche sequoie costiere mai tagliate della Bay Area, presa letteralmente d’assalto dai boscaioli alla fine del XIX secolo. Dichiarato monumento nazionale nel 1908 dal presidente Theodore Roosevelt, il parco deve il suo nome al celebre naturalista John Muir, che affermò che questo luogo era

““il miglior monumento per gli amanti degli alberi che si possa trovare sulla faccia della terra  .” 

Anche nei giorni più affollati d’estate, qui si respira un’aria di quiete, specialmente se si arriva la mattina presto. Percorrete le passerelle sopraelevate, costruite per proteggere le radici sensibili delle sequoie, e ammirate questi alberi dritti come un fuso, talvolta vecchi più di un secolo, innalzarsi fino a 76 metri sopra la vostra testa. Per vivere un’esperienza incredibile, controllate il calendario di attività del parco e iscrivetevi a una passeggiata guidata al tramonto.Ricordate che la strada per raggiungere il parco è stretta e tortuosa e che i parcheggi si esauriscono presto in estate e durante i fine settimana. Arrivate tardi e dovrete sudare parecchio per tornare alla macchina. La soluzione migliore è prendere la navetta pubblica per Muir Woods (da marzo a ottobre) dalla vicina Sausalito oppure prenotare un tour presso un’agenzia o un tour operator locale che offre il servizio navetta. Da Muir Woods, imboccate la tortuosa Highway One in direzione nord verso un altro meraviglioso e poco affollato parco, il Point Reyes National Seashore.

Prossima Tappa
Point Reyes National Seashore (25mi/40km; 51min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco PointReyes_Lighthouse_1280x642
Anita Ritenour/Flickr

Point Reyes National Seashore

3
Point Reyes National Seashore
Così remoto che sembra di essere in mezzo all'oceano

Seguite la costa e passate l’ampia Stinson Beach e la luccicante Bolinas Lagoon (il luogo perfetto per il kayak e il birdwatching), fino a raggiungere questa straordinaria penisola. Point Reyes fende l’oceano per decine di chilometri e vi riserverà magiche scoperte, grazie alle favolose bellezze naturali, alle fitte foreste, alle drammatiche scogliere e alle spiagge remote. In tutte le stagioni dell’anno troverete qualcosa di straordinario ad attendervi. In inverno, raggiungete la punta della penisola (una navetta vi porterà per gli ultimi chilometri) per ammirare lo spettacolo della migrazione delle balene grigie a pochissima distanza. Puntate lo sguardo dritto verso le loro rotte. In primavera, percorrete il sentiero fino a Chimney Rock godendovi l’infinita varietà di fiori selvatici (magari avvisterete qualche pulcinella di mare che fa il nido sulle scogliere) oppure passeggiate tra gli iris in una foresta di pini rari. In estate, aspettate l’affascinante discesa della nebbia e poi gustatevi un’ottima cioccolata nell’accogliente villaggio di Point Reyes Station. In autunno, infine, tendete l’orecchio per sentire il misterioso bramito degli alci; non è raro incontrarne qualche esemplare isolato o qualche piccolo branco nella riserva naturale di Tomales Point, all’estremità del parco. Per iniziare ad orientarvi, fate una tappa al Bear Valley Nature Center, dove troverete installazioni informative anche per i bambini, cartine e ranger pronti ad aiutarvi. Il percorso del Bear Valley Trail, quasi privo di dislivello, è adatto anche ai passeggini e si presta perfettamente per camminate o gite in bicicletta. Il vostro cammino continua ora verso l’interno per esplorare una delle più belle regioni dei vini di tutto il mondo.

 

Prossima Tappa
Napa/Sonoma (47mi/76km; 1hr9min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_NapaSonoma_Hero__NCA3429_1280x642
Tai Power Seeff

Napa e Sonoma

4
Napa e Sonoma
Lussuosa destinazione con vini d'eccellenza

Spostandovi verso est abbandonate il paesaggio aspro e selvaggio della costa per inoltrarvi in queste due meravigliose regioni vinicole caratterizzate da morbide colline e valli pianeggianti su cui prosperano alcuni dei più apprezzati vitigni del mondo. Qui troverete centinaia di cantine e di sale di degustazione ospitate in qualsiasi tipo di costruzione, da castelli a granai restaurati, e potrete prendere parte a tour, eventi speciali e presentazioni di vini in qualsiasi periodo dell’anno. Sonoma è la regione più a ovest ed è caratterizzata da un’atmosfera più intima, soprattutto se vi inoltrate verso nord tra le foreste di sequoie e i terreni accidentati lungo il fiume Russian. Un ottimo punto da prendere come riferimento è la graziosa città di Healdsburg, che ha saputo trasformarsi da piccolo epicentro poco sofisticato a destinazione di prima classe. Innanzitutto per la sua piazza, perfettamente quadrata, circondata da sale di degustazione affollate da clientela elegante, invitanti negozi in ogni angolo e lo scintillio dei ristoranti chic al tramonto. I prodotti del territorio locale qui sono in evidenza, e il Farmers Market che si tiene due volte alla settimana (da giugno a ottobre) è un esempio per frutta e verdura fresche, coltivate nei dintorni con metodi eco-sostenibili. Fermatevi allo Healdsburg Shed, un paradiso per articoli e libri di cucina e attrezzi per il giardinaggio. Acquistate i formaggi artigianali e il pane casereccio cotto a legna all’invitante Oakville Grocery e godetevi uno spuntino improvvisato in piazza. Concludete la giornata con un lussurioso pasto al Chalkboard, con biscotti alla pancetta, pesce crudo e pasta al nero di seppia. Se amate le strade tortuose di campagna, apprezzerete l’Oakville Grade, che si inerpica sulle montagne del Mayacamas Range tra la Sonoma e la Napa Valley. Da qui scenderete verso alcuni dei vigneti più celebrati del mondo, la terra delle grandi proprietà, con costose sale di degustazione, cittadine pittoresche e alberghi eleganti, molti lungo il celebre Silverado Trail. Troverete il meglio del meglio lungo questa strada di campagna che si snoda all’ombra delle querce e offre vini di livello internazionale, con una tale quantità di cantine che non riuscireste a visitare nemmeno in una settimana. Il Silverado Trail è la prima strada ad avere offerto un collegamento permanente tra la città di Napa e Calistoga, circa 48 chilometri a sud, ed è la controparte in campagna della ben più trafficata Highway 29, con un percorso più o meno parallelo. Guidate, o meglio noleggiate una bicicletta e pedalate, lungo questa tranquilla strada panoramica, adagiata lungo le colline a est della valle. La decisione più difficile è scegliere il primo punto di sosta. Sul Silverado Trail si trovano cantine prestigiose come Joseph Phelps, ZD Wines e Miner Family Winery, per citare solo tre delle decine di luoghi meravigliosi in cui gustare il celebre Cabernet Sauvignon della Napa Valley e altri vini rossi di grande corpo. Tra le locande più eleganti citiamo l’Auberge du Soleil e il Solage Calistoga. Per scoprire uno dei luoghi più belli di tutta la zona, imboccate il lungo, verdeggiante, percorso sui terreni curati di Meadowood Napa Valley per un pranzo all’aperto presso The Grill o, se volete concedervi uno sfizio, per una cena al ristorante con tre stelle Michelin The Restaurant at Meadowood. Da Napa, proseguite verso sud costeggiando il lato orientale della San Francisco Bay per raggiungere un parco divertimenti proprio sulla baia.

Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_TI_5_T5_Drench_2-1280x642
Courtesy of Six Flags Discovery Kingdom

Six Flags Discovery Kingdom

5
Six Flags Discovery Kingdom
Montagne russe da brivido ed animali esotici

Le principali attrazioni di questo parco nella città di Vallejo sulla East Bay non passano assolutamente inosservate. Ancor prima di parcheggiare la macchina noterete i giganteschi giri della morte, le spirali e le discese da capogiro delle montagne russe e delle altre giostre del parco, come Superman Ultimate Flight e Tsunami Soaker. Fate il pieno di adrenalina su queste attrazioni e poi riprendete colore ammirando la rilassante bellezza delle farfalle del Butterfly Habitat. Quando la vostra pressione sarà tornata a livelli normali, godetevi gli spettacoli dei delfini e dei leoni marini, ammirate i leoni africani, le tigri siberiane e del Bengala e i leoni di montagna all’interno di ambienti naturali ricreati con la massima attenzione o divertitevi a cavalcare un elefante o dar da mangiare a una giraffa.

Se cercate qualche divertimento più tranquillo per i bambini, portateli alla Acme Fun Factory, una casa di due piani studiata appositamente per loro. Per i più piccini c’è anche una zona giochi acquatica, con attività e attrazioni su piccola scala. Per voi, scegliete qualche esperienza speciale, come scoprire realmente com’è Flipper al tatto durante una vera interazione con i delfini.

La prossima meta è la trendy Oakland, con i suoi fantastici ristoranti e negozi e le tante proposte artistiche.

Prossima Tappa
Oakland (28mi/45km; 35min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_SF_T5_20140711_Oakland Museum_451-1280x642
Tai Power Seeff

Oakland

6
Oakland
Diversa, artistica e molto alla moda

Da Vallejo spostatevi verso sud attraverso la collinosa East Bay, passando anche la città universitaria di Berkeley, fino ad arrivare alla “sorellina” di San Francisco. Oakland viene spesso definita la “Brooklyn di San Francisco” perché vanta molte similitudini con il celebre quartiere di New York a livello di rimandi storici, viste spettacolari e cucina e vinicoltura in rapida espansione. Eterogenea, dinamica, creativa, stravagante: Oakland ospita un continuo afflusso di giovani, attirati dall’atmosfera unica ma anche dagli affitti contenuti, che ha invaso i loft e i condomini del centro, stimolando l’apertura di numerosi bar, caffetterie, gallerie e club. I prezzi più a buon mercato della East Bay hanno inoltre invogliato affermati chef e nuove promesse della ristorazione ad aprire ristoranti in questa zona, come il sensazionale Flora in stile Art Déco e l’elegante Plum, con un tocco hipster chic. Jack London Square, un coinvolgente complesso incastonato proprio sul bordo della San Francisco Bay, offre varie tipologie di intrattenimento al coperto e all’aperto. La piazza prende il nome dall’intrepido avventuriero e autore di Il richiamo della foresta e Il lupo di mare, romanzo a quanto pare ispirato alle storie che raccontavano gli scontrosi avventori del leggendario Heinhold’s First and Last Chance Saloon, aperto ancora oggi. Vicino all’ingresso in leggera pendenza che porta al laghetto storico, le lancette dell’orologio a muro sono immobili dal 18 aprile 1906, il giorno in cui un fortissimo terremoto colpì la Bay Area e scosse l’edificio così forte che l’orologio smise di funzionare. Se qui il tempo si è fermato, non si può dire lo stesso del servizio e se entrate nella piccola baracca di legno vi troverete catapultati in una dimensione spazio-temporale parallela: lampade a gas del XIX secolo che illuminano la notte, fotografie e cimeli della seconda guerra mondiale e un piccolo ritratto di un giovane Jack London seduto a uno dei tavoli del saloon appeso al muro. Accomodatevi e conversate con i vostri vicini; magari avranno qualche incredibile storia da raccontare anche a voi. temporale parallela: lampade a gas del XIX secolo che illuminano la notte, fotografie e cimeli della seconda guerra mondiale e un piccolo ritratto di un giovane Jack London seduto a uno dei tavoli del saloon appeso al muro. Accomodatevi e conversate con i vostri vicini; magari avranno qualche incredibile storia da raccontare anche a voi. Il momento migliore per visitare questo bar storico è verso sera. Di giorno, approfittate del sole splendente per noleggiare un kayak ed esplorare il vicino Oakland Estuary, particolarmente affollato durante il periodo delle migrazioni di uccelli autunnali. Dopo la pagaiata, fate un giro nella piazza per visitare i negozi oppure salite a bordo di due imbarcazioni storiche: il Lightship Relief, una nave-faro utilizzata per facilitare la navigazione lungo le coste statunitensi dal 1951 al 1974, e l’USS Potomac, celebre yacht del Presidente Franklin Delano Roosevelt (informatevi sulle crociere nella baia). Per la cena lasciatevi tentare da un’opzione invitante come Baia, che prepara pasta biologica, oppure organizzate un brunch all’Oakland Grill per assaggiare il Crab Cake Benedict, un uovo in camicia con polpettine di granchio. I mercati dei produttori locali e il cinema all’aperto conferiscono a Jack London Square un fascino da rione molto particolare. Da Oakland, seguite il bordo della baia per raggiungere la terza città più grande della California.

Idee di viaggio
Prossima Tappa
San Jose (41mi/66km; 46min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_Sjose_Hero_TerminalB_1280x642
Courtesy of San Jose International Airport

San Jose

7
San Jose
Città tecnologica con un gusto internazionale

Questa metropoli, la terza città della California per grandezza, non è mai stata così viva. Fulcro della fiorente e tecnologica Silicon Valley, San José è ricca di destinazioni interessanti, come l’interattivo The Tech Museum e l’etereo e luminoso San José Museum of Art. Il De Anza Hotel è un gioiello Art Déco, mentre il SAP Center, in cui vengono allestiti grandiosi spettacoli e che ospita le partite della squadra di hockey dei San José Sharks, è un palazzo moderno con grandi vetrate. Ovviamente, San José era una città piena di vita anche prima dell’avvento del chip. Raccogliete informazioni sulle origini etniche e contadine di San José nel vasto campus di History San José, nella zona sud-orientale della città. Buona parte della magia del mondo moderno avviene a livello invisibile, ma The Tech Museum of Innovation, o semplicemente “The Tech”, proprio nel centro della città, riesce a dar vita a interessanti attività sperimentali e formative per visitatori di tutte le età. Godetevi le mostre interattive che spiegano i misteri della tecnologia, dai robot alla genetica, fino ad arrivare alle energie alternative. Lasciate che le farfalle virtuali si appoggino sul vostro braccio e fate provare ai bambini i più incredibili videogiochi (che poi vorrete provare anche voi!). Non perdetevi la Silicon Valley Innovation Gallery, dove sono raccolte tutte le macchine che hanno rivoluzionato il pensiero, la creatività e la comunicazione umana. Al termine della visita concedetevi un po’ di relax al bar e andate a dare un’occhiata agli articoli del gift shop. Se volete vivere un’intensa esperienza di shopping di lusso, recatevi al Santana Row, un elegante centro commerciale che fonde la raffinatezza della California al fascino di un mercato della vecchia Europa. In luoghi come questo le ore volano via, mentre riposate smangiucchiando le brioche fresche di Cocola. E visto che siamo nella Silicon Valley, perché non vi fermate a personalizzare la vostra auto elettrica di lusso nel negozio Tesla di Santana Row? La vostra prossima missione è immergervi completamente nelle città e nei campus tecnologici della Silicon Valley.

 

Prossima Tappa
Silicon Valley (15mi/24km; 19 min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_SiliconValley_Hero_20140708_Google_19 copy-1280x642_0
Tai Power Seeff

Silicon Valley

8
Silicon Valley
Se non ci credete cercatelo su Google

Benvenuti nell’incubatrice tecno-centrica della California. Raggruppate all’estremità meridionale della San Francisco Bay, le comunità note nel loro insieme con il nome di Silicon Valley incarnano l’anima e il corpo della tecnologia informatica, tra chip in silicone, computer design, app e Apple, smartphone e chi più ne ha più ne metta. Alcune delle aziende che qui hanno la loro sede sono così importanti e influenti che il loro nome è entrato di diritto nel nostro vocabolario (se non ci credete, googlatelo!). Fate una passeggiata a piedi o in bicicletta e tenete le orecchie bene aperte per cogliere la prossima grande idea. Visitate un museo contenente tutte le possibili tecnologie mai implementate. E poi immergetevi tra le ricchezze di un’economia in crescita, con spazi per spettacoli ed esposizioni, negozi eleganti e ristoranti stellati. Aziende come Facebook e Google non organizzano tour ufficiali, ma al campus Googleplex di Mountain View potrete vedere i “Googlers”, dipendenti paurosamente giovani della nota azienda, discutere, twittare e pedalare su biciclette Google mentre vanno al lavoro e cambiano il mondo. Dirigetevi nella parte orientale del campus lungo il percorso ciclabile lastricato per ammirare i curatissimi campi da gioco ad uso esclusivo dei dipendenti. Quello che non potrete vedere (anche se vi piacerebbe molto) sono la caffetteria del campus, che serve gratis cibi da buongustai, le massaggiatrici in loco, l’asilo e le postazioni per i pisolini di questo utopico campus al limitare della San Francisco Bay. Poco più a sud, a Cupertino, fate incetta di magliette, cappelli da baseball e tazze con logo in un altro campus leggendario, quello della Apple, sulla One Infinite Way. Più a nord, a Menlo Park, il campus di Facebook continua la sua espansione. Questo campus è chiuso al pubblico, ma il cartello all’ingresso, con il famosissimo pollice su del “mi piace” celeste, è considerato uno sfondo perfetto per i selfie. Fatelo anche voi: basta accostare, sorridere, cliccare e pubblicare. E non dimentichiamo il modesto edificio da cui tutto ha avuto inizio: il garage al n. 367 di Addison Avenue, a Palo Alto, dove, nel 1939, Bill Hewitt e Dave Packard fondarono quella che sarebbe diventata una potenza tecnologica globale, l’HP.Dopo esservi riempiti gli occhi di stregonerie tecniche, puntate verso sud (come fa anche la gente del luogo durante i fine settimana) fino alla città costiera di Santa Cruz, ben nota per la sua immensa spiaggia e per il parco divertimenti proprio sul lungomare.

Idee di viaggio
Prossima Tappa
Santa Cruz (38mi/61km; 45min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco VCW_D_SantaCruz_T2__SantaCruzBeach_Seeff copy_1280x642
Tai Power Seeff

Santa Cruz

9
Santa Cruz
Luogo ideale per il surf in California settentrionale

Seguite la Highway 17 verso sud sulle irregolari Santa Cruz Mountains puntando la costa, dove potrete rilassarvi e divertirvi in questa città balneare davvero tranquilla.

Santa Cruz ha una personalità contraddittoria, ma sempre piacevole. Da un lato c’è il gran divertimento per le famiglie del Santa Cruz Beach Boardwalk, un lungomare vecchio stile con tanto di montagne russe, sale giochi, chioschi di cibo di strada e una storica giostra con i cavalli. E poi c’è il centro di Santa Cruz, frequentato dagli studenti dell’università locale alla ricerca di acquisti vintage e rilassanti ristoranti che propongono ingredienti biologici a chilometri zero.

Ma il cuore di Santa Cruz batte per il surf. La città è il luogo di nascita di questo sport in California e i surfisti migliori sanno che Steamer Lane è una meta imperdibile. Avete bisogno di ulteriori prove? In città potete ancora sentire l'influenza di Jack O’Neill, il leggendario surfista pioniere delle mute da surf. Acquistate il vostro materiale in uno dei tre negozi O'Neill Surf Shops nell'area di Santa Cruz - uno dei negozi è a pochi passi da Cowell Beach.

Ampie spiagge e acque invitanti; se aggiungete un pittoresco lungomare con giostre, giochi e musica, sarà difficile resistere! E non molti ci riescono: questo popolare lungomare è una tappa estiva obbligata per innumerevoli famiglie californiane, un’occasione magnifica anche per voi, per rilassarvi e divertirvi proprio come la sorridente gente del luogo. Sul lungomare c’è un’infinità di attrazioni, ma quella principale è il Giant Dipper, imponenti montagne russe di legno inaugurate nel 1924, che per decenni hanno provocato urla, strilli e occhi chiusi dalla paura. Oggi non è l’unica giostra emozionante in città; sul lungomare trovate anche la Double Shot, una torre alta 38 metri per gli amanti dell’adrenalina pura. Per divertimenti meno estremi, soprattutto per i più piccoli, potete fare un giro sulla giostra a cavalli Looff del 1911, restaurata con cura maniacale (sì, la coda del vostro coloratissimo stallone è fatta proprio di crine di cavallo).

Il vostro itinerario termina a San Francisco, dove potrete parcheggiare l’auto per muovervi a piedi, in bicicletta o su uno sferragliante cable car.

Itinerario circolare della baia di San Francisco youtube_d365tv-1280x720-saturncafe_0_1
Una Cena originale a Santa Cruz

Il California Dream Eater viene trasportato in un mondo in cui la cena classica viene fatta interamente con le piante per un pasto vegano fuori dal mondo a Santa Cruz, in California.
Prossima Tappa
San Francisco (73mi/117km; 1hr20min)
Itinerario circolare della baia di San Francisco PaintedSisters_SanFrancisco_1280x642
huangjiahui/Flickr

San Francisco

10
San Francisco
Una baia sfavillante e una città magica

Concludete il vostro viaggio esplorando una delle città più belle del mondo. Famosa per le grandi case in stile vittoriano, i suoi classici cable car, la sua accettazione del diverso, il bel lungomare e il famoso ponte rosso, alla “City by the Bay” non manca veramente nulla. La sua cucina di eccellenza va dai ristoranti con stelle Michelin agli incredibili “food truck”, autentiche cucine a quattro ruote, e poi musica sinfonica, danza, teatro e opera di livello mondiale ma anche infinite possibilità di avventure all’aria aperta: San Francisco emerge giustamente come una delle mete imperdibili nella lista dei desideri di tutti i viaggiatori. Se cercate un nuovo modo per curiosare, parcheggiate la macchina e muovetevi a piedi, in bicicletta e con i caratteristici mezzi di trasporto pubblici. Pedalate sul Golden Gate Bridge, scoprite il lussureggiante Presidio (ex base militare riconvertita in parco), recatevi al Golden Gate Park per visitare i musei e remate sullo Stow Lake, gioiello naturale nascosto. Continuate quindi lungo l’Embarcadero fino al Fisherman’s Wharf e all’Exploratorium, museo interattivo dedicato alla scienza. Restituite le bici e salite a bordo di un “cable car” per muovervi sulla collina e visitare i negozi eleganti e gli enormi punti vendita di Macy’s, NikeTown, Saks Fifth Avenue e Neiman Marcus situati intorno all’affollatissima Union Square. Non dimenticate una sosta all’Emporio Rulli, proprio in piazza, per gustare un cappuccino e ottime brioche italiane. Spostatevi di pochissimo per una passeggiata lungo Maiden Lane, zona pedonale ricca di negozi e sempre gremita durante il giorno, quando i bar sistemano sedie e tavolini in strada per accogliere i visitatori. Nel vicino Westfield Mall, uno splendido complesso sulla un tempo mal tenuta ma ora curatissima Market Street, sarete investiti dalle allegre luci dei tanti negozi e potrete fermarvi in uno dei ristoranti di lusso al piano inferiore. La sera, recatevi a uno spettacolo nel quartiere dei teatri o arrivate fino alla North Beach per vedere Beach Blanket Babylon, un locale divenuto ormai un’irriverente e rumorosa istituzione a San Francisco. Se siete in cerca di ispirazione per la cena e la serata, percorrete Valencia Street nel Mission District, un quartiere eclettico e alla moda pieno di bar e ristoranti, e concedetevi un peccato di gola a tarda notte al Bi-Rite Ice Cream.