Dai vulcani al mare VCW_D_SC_T2_BurneyFalls.jpg_KG
Burney Falls by Kodiak Greenwood

Trip 4-6 giorni 10 stops

Dai vulcani al mare

Questo interessante itinerario inizia dalla capitale dello stato, Sacramento, e si sviluppa verso l’angolo nordorientale della California, terra selvaggia dove è possibile visitare in tutta sicurezza vulcani come il Mount Shasta e il Lassen Peak, all’interno del Lassen Volcanic National Park. Un viaggio che vi porterà alla scoperta di rumorose cascate lungo sentieri tranquilli e poco frequentati e tanto divertimento sulle case galleggianti che si possono affittare  per trascorrere una notte sotto le stelle in un lago dai mille riflessi. Poi direzione ovest attraversando chilometri di spettacolari foreste per conoscere la storia del selvaggio West nella città di Eureka, un tempo fiorente centro abitato dai cercatori d’oro, oggi sede di gallerie d’arte e birrifici artigianali.

A causa di un progetto di riabilitazione, Bumpass Hell Trail sarà chiuso fino al 1 ° dicembre 2018. Per maggiori dettagli, visitate il sito web del Lassen Volcanic National Park.

Dai vulcani al mare Sacramento_TowerBridge_DeltaKing_1280x642_0
The Delta King and Tower Bridge from Old Sacramento

Sacramento

1
Sacramento
Passato d'oro e futuro promettente

Iniziate il vostro viaggio dal centro dello stato, dove si trova la capitale Sacramento. Come molte altre città, la capitale dello stato della California sta vivendo un momento estremamente vitale. Molti ragazzi che desiderano provare l’ebbrezza della vita cittadina si trasferiscono in questa tranquilla città ricca di birrerie, pub e negozi trendy. Chef importanti stanno balzando agli onori della cronaca per l’attenzione con cui utilizzano gli ingredienti locali e i legami diretti tra ristoranti, fattorie e ranch vicini non sono più l’eccezione, ma la regola. In estate, qui si trascorrono alcune delle serate più piacevoli di tutto lo stato: i residenti si accomodano sotto le verande delle loro eleganti case vittoriane e i bambini giocano liberamente fino al tramonto nei verdi parchi. Essendo la capitale dello stato, Sacramento offre infinite opportunità e non è raro vedere colorati capannelli di persone intorno al Campidoglio. I musei sono localizzati in prevalenza nella zona del Capitol Mall e nella città vecchia, una zona rinnovata lungo il fiume Sacramento molto in auge durante gli anni della Corsa all’oro. Spostarsi in città è molto semplice e vi capiterà di rado di rimanere intrappolati nel traffico. Vincitrice del primo premio assegnato dalla League of American Bicyclists come città amica dei ciclisti, Sacramento può essere esplorata tutta su due ruote, grazie alle ampie piste ciclabili e alle stradine asfaltate lungo i fiumi American e Sacramento. È disponibile anche un comodo sistema di trasporto su rotaia che collega i principali punti della città. Dopo aver imparato qualcosa sulla storia e sulla vita artistica di Sacramento, spostatevi verso nord attraverso la prosperosa Central Valley, facendo una deviazione a ovest per visitare la città universitaria di Chico e uno dei birrifici artigianali più conosciuti della California.

 

 

Ulteriori informazioni
Prossima Tappa
Sierra Nevada Brewing Co. (88mi/142km; 1hr28min)
Dai vulcani al mare SierraNevadaBrewing_MattKern_1280x642
Matt Kern/Flickr

Sierra Nevada Brewery - Birrificio a Chico

2
Sierra Nevada Brewery - Birrificio a Chico
Un brindisi ai migliori birrifici californiani dove è stato ridefinito il concetto di birra

Dopo tante immense tenute agricole, la verdeggiante città di Chico è un richiamo irresistibile. Sede di un’università statale, conferma il detto che sostiene che dove ci sono studenti universitari, c’è sicuramente anche della birra, e che birra! Scoprite dove l’attuale passione per le birre artigianali ha avuto inizio (non solo a Chico, ma in tutta la California) visitando il grande complesso della Sierra Nevada Brewing, birrificio con annessi sala di degustazione e ristorante. Muovetevi autonomamente oppure unitevi a un tour guidato, che vi porterà ad esempio a visitare l’impianto di pannelli solari più grande della California o consentirà a cinque fortunati appassionati di studiare da vicino le procedure interne di un birrificio. Per rinfrescarvi con un bel boccale di birra ghiacciato al Sierra Nevada Taproom & Restaurant non dovrete invece partecipare a nessun tour. Questo birrificio è stato un modello di riferimento per tante altre realtà più piccole che hanno aperto in questa zona, e certamente il fatto che Chico sia una città universitaria ha avuto il suo peso. Fate una sosta anche all’Handle Bar per scegliere una delle tante birre artigianali alla spina. Per sgranchirvi le gambe, entrate nel suggestivo Bidwell Park, con i suoi canyon selvaggi e i freschi laghetti ideali per una nuotata. Poi caricate la macchina e proseguite verso nord per percorrere una seducente strada che collega fattorie e produttori locali.

Prossima Tappa
Tehama Trail (30mi/48km; 33min)
Dai vulcani al mare VCW_D_SC_T5_35a6028_KG_sized_2
Kodiak Greenwood

Tehama Trail

3
Tehama Trail
Una visita alle fattorie e alle bancarelle lungo il fiume Sacramento

A nord di Chico, scoprite una regione straordinariamente prospera che si estende intorno alle acque fresche e rigogliose del fiume Sacramento. Il terreno incredibilmente ricco e l’abbondanza di acqua rendono questa zona fertile il luogo ideale per le fattorie e i ranch. Qui i visitatori possono acquistare prodotti freschi, olio d’oliva artigianale e altri prodotti alimentari locali. Studiato dagli agricoltori di zona, il Tehama Trail è un sentiero che collega una ventina di cantine, frutteti, fattorie ed allevamenti di bovini. Anche se potete inserirvi nel percorso dove più vi aggrada, il sentiero inizia a Corning, una città specializzata da generazioni nella coltivazione degli ulivi. Fermatevi all’immancabile Olive Pit per assaggiare olive verdi e nere tradizionali oppure provate qualche prelibatezza più esotica, come le olive siciliane ripiene di aglio, formaggio ed erbe aromatiche. Dirigetevi quindi all’elegante sala di degustazione di Lucero Olive Oil per assaporare gli olii e gli aceti artigianali e acquistare qualche raffinato regalo. Proseguite lungo il Tehama Trail per assaggiare e acquistare pomodori, prugne e pesche succose e frutti di bosco appena raccolti, oltre a miele e torte appena sfornate. Fate una deviazione alla New Clairvaux Vineyard nella minuscola città di Vina, poco più a sud di Redding, dove i monaci trappisti (sì, proprio i monaci) vi inviteranno ad assaggiare il loro Barbera, Pinot grigio e altri vitigni in una grande sala di degustazione che si trova nei terreni del monastero.

A questo punto l'itinerario prosegue verso nord est per entrare in una delle regioni più selvagge della California. La prima sosta è in un meraviglioso ranch a misura di famiglia nei pressi dell’ingresso sud del Lassen Volcanic National Park.

Prossima tappa
Lassen Volcanic National Park (71mi/114km; 1hr17min)
Dai vulcani al mare LassenVolcanicNatlPark_MikeScott_1280x642
Mike Scott

Drakesbad - Lassen Volcanic National Park

4
Drakesbad - Lassen Volcanic National Park
Dove la terra genera calore e vapore

Man mano che procedete verso est, vedrete stagliarsi all’orizzonte il Lassen Peak, maestoso vulcano che si innalza da morbide pianure punteggiate di querce e grossi massi di origine vulcanica la cui cima rimane innevata tutto l’anno. Il Lassen Peak è un vulcano ancora attivo (l’ultima eruzione risale al 1917), ma i visitatori non avranno nulla da temere perché le pozze di fango gorgogliante, i fumosi geyser e tutte le altre attrazioni della zona sono assolutamente controllate. Avvicinandovi alla città di Chester, situata all’ingresso sud del Lassen Volcanic National Park, noterete che il terreno diventa più accidentato e si ricopre di fitte conifere. Inoltratevi nel parco per circa 5 chilometri per raggiungere il Drakesbad Guest Ranch. Questa costruzione del 1900 rappresenta un’accogliente sistemazione con alcuni piacevoli extra: servizio massaggi, passeggiate guidate a cavallo e ristorante e bar dove godersi una birra dopo un’escursione, anche se non si soggiorna al ranch. Questo luogo remoto ha un’atmosfera rustica molto affascinante, con le sue lampade a cherosene che illuminano buona parte delle baite, comode sedie in legno sistemate davanti a scenari da sogno e sentieri che si diramano in ogni direzione. I prezzi includono vitto e alloggio. A tavola non resterete delusi perché i piatti superano decisamente lo standard di queste zone sperdute: salmone grigliato e costata di manzo accompagnati da vini eccellenti. Il fiore all’occhiello del ranch è senza dubbio la piscina con acqua calda di sorgente nota come Drake’s Bath. Durante il giorno la temperatura viene raffreddata per consentire agli ospiti di nuotare agevolmente, ma la sera è possibile immergersi nell’acqua naturalmente calda come se si trattasse di un’immensa vasca da bagno. (Consiglio: anche se non soggiornate presso il ranch potete comunque usare la piscina; è sufficiente prenotare per cena.) Drakesbad si trova nella zona del parco conosciuta come Warner Valley (l’accesso è dalla città di Chester). Chiedete al personale del ranch informazioni su come raggiungere i punti di interesse dell’area: la zona geotermale di Devil’s Kitchen, il lago Boiling Springs e il Terminal Geyser.Riprendete la via per Chester, costeggiando il lato occidentale del parco, e seguite le indicazioni per l’ingresso principale e il Kohm Yah-mah-nee Visitor Center.

 

Prossima Tappa
Bumpass Hell (6mi/10km; 20min)
Dai vulcani al mare VCW_D_Lassen_T2_BumpassHell_1280x642
Kodiak Greenwood

Bumpass Hell - Lassen Volcanic National Park

5
Bumpass Hell - Lassen Volcanic National Park
Visitate il parco con la più grande concentrazione di fenomeni idrotermici

Dedicate un po’ di tempo allo studio dei vulcani della California nel centro informazioni Kohm Ya-mah-nee, quindi uscite all’aperto per ammirare con i vostri occhi alcuni dei fenomeni più interessanti del parco, come Bumpass Hell. Mai nome fu infatti più appropriato; l’“inferno” citato è un ottimo esempio di geologia in azione: 6,5 ettari di sorgenti d’acqua rovente e pozze di fango, sfiati sibilanti e fumarole borbottanti.

Uno dei primi pionieri, Kendall Vanhook Bumpass, fu lo sfortunato esploratore che mise letteralmente piede su questi fenomeni idrotermali negli anni Sessanta del XIX secolo: cadde infatti in una pozza d’acqua bollente e si bruciò una gamba.

Oggi i visitatori non corrono rischi del genere. Un percorso semplice e ben segnalato attraversa il sito geotermale (circa 5 chilometri andata e ritorno che vale assolutamente la pena percorrere). Lungo il cammino, un breve sentiero sul crinale porta a un’incredibile vista sulle montagne: stiamo parlando dei resti del maestoso vulcano Mount Tehama, esploso circa 500.000 anni fa. Sarà il vostro naso a dirvi quando sarete nei pressi di Bumpass Hell. Il forte odore sulfureo tipico dei gas naturali che si sprigionano in questa zona è davvero penetrante e nemmeno il rumore può lasciare dubbi: avvertirete senza dubbio lo strano trambusto provocato dalle pozze di fango ribollenti e dalle acque gorgoglianti. Le passerelle costruite a Bumpass Hell vi consentiranno di muovervi in assoluta sicurezza, per non fare la fine del povero Mr. Bumpass.

A causa di un progetto di riabilitazione, Bumpass Hell Trail resterà chiuso fino al 1 dicembre 2018. Per maggiori dettagli, visitate il sito web del Lassen Volcanic National Park

Spostatevi ora a nord rispetto al Lassen Volcanic National Park per visitare uno dei luoghi più suggestivi (e meno conosciuti) della California, le cascate di Burney Falls, all'interno del McArthur-Burney Falls Memorial State Park.

 

Prossima Tappa
Burney Falls (64mi/103km; 1hr23min)
Dai vulcani al mare VCW_D_SC_T2_BurneyFalls.jpg_KG
Kodiak Greenwood

Burney Falls

6
Burney Falls
Alla scoperta di splendide cascate definite "ottava meraviglia del mondo"

Sicuramente tra le più spettacolari degli Stati Uniti occidentali, questa cascata alta 39 metri, ricoperta di felci, sembra spuntare dal nulla. Situata a 96 chilometri a nord-est di Redding, in una zona che da lontano sembra un gruppo di coni di cenere e di ampie pianure sotto un cielo privo di nuvole, le cascate Burney Falls sono una delle più belle sorprese della California. Non a caso il 26° Presidente Teddy Roosevelt le ha definite l’ "ottava meraviglia del mondo”. Percorrete un breve tratto per raggiungere il belvedere principale all’interno del McArthur-Burney Falls Memorial State Park. Dovrete alzare la voce per farvi sentire (oppure restare piacevolmente in silenzio) quando vedrete davanti a voi l’ampia parete d’acqua scrosciare sulle terrazze muschiose, scorrere sulle pareti ricoperte di felci, lanciare spruzzi e frammenti di arcobaleno a destra e a sinistra e infine tuffarsi in una pozza cristallina così velocemente e vigorosamente da creare strisce di bollicine d’aria sott’acqua. Le cascate principali nascono in cima alla parete rocciosa, ma poi ricevono anche tutta la neve sciolta proveniente dalla superficie rocciosa vulcanica. Proseguite il cammino fino alla pozza d’acqua, dove potrete guardare e toccare appena la superficie dell’acqua, perché la temperatura raramente supera i 5 °C. I pescatori non sembrano temere il freddo: la grande pozza e il Burney Creek sopra e sotto la cascata sono molto frequentati da chi ama la pesca con la mosca rigorosamente “catch and release”. Il tour della terra dei vulcani della California vi conduce ora in direzione nord-ovest, verso una delle montagne più alte dello stato, l’imponente Mount Shasta.

Prossima Tappa
Mt Shasta (53mi/85km; 53min)
Dai vulcani al mare VCW_D_SC_T6_Mt Shasta_Kodiak__35a2159_1280x642
Kodiak Greenwood

Mount Shasta

7
Mount Shasta
Distese di fiori selvatici, nevi perenni e vibrazioni "new age"

Quando il cielo è sereno, questa cima massiccia e perennemente ghiacciata, con i suoi 4.322 metri di altezza che si ergono da una piatta vallata, è l’unica cosa che attira il vostro sguardo mentre guidate verso nord-ovest. Se alcune montagne salgono gradualmente, questa si impenna dalle pianure circostanti formando un cono dalle dimensioni perfette. Con la sua punta sempre innevata, sembra quasi irreale, la proiezione ideale di un bambino che pensa a una montagna. Il famoso naturalista John Muir ha scritto che “il suo sangue si è trasformato in vino” quando ha visto per la prima volta questa cima che ricorda il monte Fuji. Raggiungere la cima del vulcano è un'impresa per pochi; per informazioni rivolgetevi alle guide del negozio di attrezzatura da montagna The Fifth Season nella città di Mount Shasta, una sorta di comunità new age situata sulla parete occidentale della montagna. Per respirare l’atmosfera della città, recatevi a The Crystal Room.

Fortunatamente, non è necessario salire fino alle cima della vetta per godere di questo paradiso montano. Ci sono sentieri molto semplici che attraversano prati fioriti e si addentrano in meravigliose foreste. Uno dei più belli è il sentiero che costeggia per 3,2 chilometri il fiume McCloud, nella parte sud della montagna, e conduce a tre cascate (meritano tutte, anche se le Middle Falls sono probabilmente le più belle). Potrete anche campeggiare, esplorare grotte e dedicarvi alla pesca a mosca. In inverno si scia nel tranquillo Mt. Shasta Ski Park, sul pendio occidentale della montagna.

Il vostro viaggio prosegue ora in direzione sud prima di virare a est verso la costa del Pacifico. Prima fermata il lago di Shasta, una delle più grandi riserve d'acqua della California.

Prossima tappa
Shasta Lake (54mi/87km; 55min)
Dai vulcani al mare VCW_D_SC_T3_ShastaLake_Kids.jpg_KG-1280x642
Kodiak Greenwood

Shasta Lake

8
Shasta Lake
Affittate una casa galleggiante per girare sul lago più vasto dello stato

E dopo il divertimento a Shasta Lake, puntate verso sud per visitare la tranquilla e accogliente città di Redding, dove troverete uno dei più incredibili ponti di tutta la California.Dedicate una giornata alla visita del più grande lago della California, che occupa oltre 12.140 ettari. Durante l’estate le sue acque trasparenti si riempiono di pescherecci, moto d’acqua, canotti, praticamente qualsiasi cosa che galleggi. I 595 chilometri di riva disegnano insenature in cui l’acqua è piatta e si può tranquillamente gettare l’ancora per catturare qualche persico trota, persico sole, pesce gatto o storione. Se potete, l’ideale è fermarvi una notte (o anche più a lungo) in una delle lussuose case galleggianti disponibili per il noleggio. Se vi recate presso una delle marine o dei resort intorno al lago, vedrete che i modelli di casa galleggiante variano dalle opzioni di base, comunque confortevoli, a veri e propri palazzi galleggianti su più piani, con spa e idromassaggio, cucine attrezzatissime e incredibili suite con schermi al plasma.Una visita interessante può essere quella alla seconda diga in cemento più grande del paese, alta 183 metri.

" Per prepararvi alla visita, ascoltate “This Land is Your Land” di Woody    Guthrie, un’ode all’America scritta mentre lavorava alla costruzione della diga."

Un’altra attività a cui si può partecipare tutto l’anno è la visita guidata alle Lake Shasta Caverns, un affascinante universo sotterraneo in formazione da 250 milioni di anni e accessibile solo in barca (barca inclusa nel prezzo). E dopo il divertimento a Shasta Lake, puntate verso sud per visitare la tranquilla e accogliente città di Redding, dove troverete uno dei più incredibili ponti di tutta la California.

Prossima Tappa
Redding (8mi/13km; 11min)
Dai vulcani al mare FF_VCW_D_SC_T4-Sundial Bridge_i-8p9WWv_R-L.jpg_KG
Kodiak Greenwood

Sundial Bridge - Redding

9
Sundial Bridge - Redding
Girate per questo ponte futuristico attraverso il fiume di Sacramento

Opera d’arte molto funzionale, questo magnifico ponte pedonale, progettato dal celebre architetto spagnolo Santiago Calatrava, attraversa il pescoso fiume Sacramento tra gli alberi del Turtle Bay Exploration Park a Redding. La sua lunghezza è davvero impressionante (213 metri) e il fondo di vetro, l’altissimo pilone bianco e i tiranti che formano una meridiana funzionante sono un inno alla creatività e all’ingegnosità umana, elementi importanti di questo parco di 120 ettari.

Prima di attraversare il ponte, visitate l’adiacente centro per visitatori. All’esterno, il Paul Bunyan’s Forest Camp consente ai bambini di scoprire che cosa significava essere in passato un taglialegna in questa regione; c’è anche la riproduzione di una tradizionale capanna di legno dei nativi americani. All’interno, le installazioni informative illustrano la fauna selvatica locale e la storia naturale.

Adesso percorrete il Sundial Bridge; se nelle vicinanze ci sono pescatori con la mosca, pazientate qualche minuto e probabilmente li vedrete catturare uno o due pesci. Qui il fiume è davvero ricco di trote. All’estremità del ponte, di fronte al museo, rilassatevi nei giardini ricchi di piante originarie del luogo e resistenti alla siccità che si estendono per gli 81 ettari dei McConnell Arboretum and Botanical Gardens, noleggiate una bicicletta o unitevi a un tour guidato in Segway per percorrere i sentieri lungo il fiume.

Il vostro itinerario in auto si conclude con un tratto finale tra accidentate foreste, laghi scintillanti e fiumi tortuosi, per raggiungere le magnifiche foreste di sequoie e la città costiera di Eureka.

Prossima Tappa
Eureka (148mi/238km; 3hr4min)
Dai vulcani al mare EurekaCarsonMansion.CourtesyRedwoods.info__1
Courtesy of Humboldt County CVB

Eureka

10
Eureka
Cultura e natura si fondono in questo porto vittoriano dallo spirito artistico

Dopo tanti scenari selvaggi incontrati fino a questo punto del viaggio, Eureka rappresenta un invitante e vivace cambiamento. Un tempo aspra cittadina portuale, Eureka è la più grande città costiera tra San Francisco e Portland, in Oregon, e ha un fascino eclettico: alla base c’è un solido passato che traspare dagli edifici in stile vittoriano mirabilmente restaurati della città vecchia; a questo si affianca la vivacità del porto marittimo, caratterizzato dal rumore scoppiettante dei pescherecci incrostati di sale che entrano ed escono dalla darsena, il tutto accompagnato da una grande sensibilità in materia di ecologia, alimentata dalla vicinanza della Humboldt State University, nella vicina città di Arcata. Centinaia di abitazioni decorate del XIX secolo, come la Carson Mansion, costruita secondo il Queen Anne Style e ora sede di un club privato alla fine di Second Street, riflettono l’incredibile prosperità degli anni di espansione di questa città, quando i boscaioli erano importanti quanto i re. L’intera città è un vero e proprio tesoro storico, un affascinante mix di cultura e natura, ma con l’anima di una piccola città.

Iniziate la vostra visita dal lungomare, dove potrete passeggiare tranquillamente ammirando il porto e la vicina Humboldt Bay. Visitate il piccolo museo marittimo, poi salite a bordo dell’MV Madaket, un confortevole traghetto che solca la baia dal 1910 per crociere guidate di 75 minuti. Nella vicina città vecchia, puntate dritto al fornitissimo Humboldt Bay Tourism Center, dove potrete assaggiare vini, birre, degustare ostriche locali, oltre a ricevere informazioni e consigli su gallerie, negozi di souvenir e ristoranti. Disponibile anche un servizio di prenotazione di visite guidate per le numerose attrazioni e attività della zona.

Eureka si distingue inoltre per essere la via d’accesso meridionale all’insieme di aree protette note con il nome di Redwood National and State Historic Parks, un sito patrimonio dell’umanità e uno dei luoghi più magici della California.

Da Eureka, sono circa 5 ore di macchina in direzione sud per San Francisco, che si trova a 452 chilometri lungo la costa.