Kodiak Greenwood

California Centrale

Focus: Big Sur

16
June
Average (°C)
June - Aug
25°
High
8°
Low
Sept - Nov
24°
High
7°
Low
June - Aug
25°
High
8°
Low
Mar - May
21°
High
6°
Low

Benvenuti in una delle strisce di costa più affascinanti del mondo. Questa distesa di sequoie e lungomare nebbioso che occupa circa 144 km di territorio tra Carmel-by-the-Sea e Hearst Castle non ha confini precisi, né un centro urbano, e vi trasporterà in un’atmosfera di magia quasi palpabile, come ha già fatto con scrittori del calibro di Henry Miller e del fondatore della Beat Generation, Jack Kerouac. In realtà, si tratta semplicemente del luogo in cui tutti vorrebbero essere: cielo, mare e scogliere.

How You Can Visit Big Sur During the Bridge Rebuild
George Oze/Alamy

Come raggiungere Big Sur durante i lavori stradali

Come raggiungere Big Sur durante i lavori stradali
Nonostante la temporanea interruzione del ponte sulla Highway 1, si può comunque godere della bellezza della Costa Centrale

Una costa selvaggia ed incomparabilmente bella, Big Sur famosa per i suoi monti che si gettano nell'oceano e e le maestose foreste di sequoie avvolte nella nebbia che sale dal Pacifico. La Costa Centrale è una regione che ha ispirato molti artisti che vivono in zona nonchè i visitatori che percorrono Highway 1, probabilmente la più bella al mondo.

Il maltempo durante l'inverno del 2017, ha causato seri danni al paesaggio della zona con crolli  e fango che hanno portato alla chiusura dell'iconico ponte. Big Sur, famosa per il Bixby Bridge con le sue campate in uso da oltre 85 anni, ha raggiunto le cronache per i lavori di risturtturazione resosi necessari per Pfeiffer Canyon Bridge.

Segnaliamo che la Highway 1 è stata chiusa in prossimità di Big Sur, a causa del danneggiamento del Pfeiffer Canyon Bridge, dovuto al maltempo. I lavori di ricostruzione potrebbero durare da 6 mesi a un anno.

Così Big Sur è divisa a metà. E questa è la cattiva notizia

Di seguito i percorsi alternativi:

Strada alternativa dall’area di Monterey a Hearst Castle :

Prendere la Highway 68 direzione East

Uscire a River Road e dirigersi verso Southeast per la Highway 101

Guidare verso South sulla Highway 101 fino a Paso Robles

Uscire sulla Highway 46 West per Highway 1

Guidare verso North sulla Highway 1 fino a Hearst Castle Visitor Center

Vantaggi della strada alternativa:

Percorrendo la Hwy101, i visitatori potranno continuare a viaggiare dalla Monterey Peninsula a San Luis Obispo County. Passeranno attraverso l’area vinicola della regione ed ammirare panorami mozzafiato a sud di Ragged Point. Lungo la Hwy101 si registra ottimaricezione telefonica e ci sono numerose stazioni di servizio. La durata del percorso è la stessa della classica via. Appena a sud di Point Lobos State Natural Reserve, si trovano le cave che ospitano foche e leoni marini. e si consiglia la consultazione di questo blog blog post aggiornato da Monterey County Convention & Visitors Bureau,

Solo 10 minuti dopo Point Lobos, si trova lil panorama dell'Oceano Pacifico a  Garrapata State Park,  Non lontano da  Bixby Bridge c'è il faro di Point Sur che ha indicato la strada a molte navi fin dal 1889. Si possono fare tour storici della zona.

Vicino alla stazione dei ranger ci sono molte attività commerciali e ristoranti che hanno chiuso durante il cattivo tempo, ed hanno successivamente riaperto. Tra questi segnialiamo Big Sur Roadhouse, Rocky Point Restaurant, e Fernwood Resort Bar & Grill. Ci sono molteplici scelte per trascorrere la notte : chalet a Glen Oaks Big Sur e Ripplewood Resort, cottage lungo il fiume Big Sur River Inn & Restaurant, campeggi per tende e roulottes a Big Sur Campground & Cabins.

Le destinazioni della zona offrono sui propri siti web aggiornamenti sulle condizioni stradali ed informazioni su come raggiungere le località in modo alternativo.

Monterey County CVB aggiorna giornalmente il sito SeeMonterey.com con dei travel alerts ed invita chi sta pianificando un viaggio li a mettersi in contatto con loro per ricevere indicazioni e consigli utili su come raggiungere la città senza problemi .Visit SLO CAL aggiorna giornalmente la pagina “Getting Here” del proprio sito. I viaggiatori che giungono dal Nord possono prendere la Highway 101 come strada alternativa risparmiando circa 25 minuti di viaggio. Lungo questo percorso si registra una migliore ricezione delle linea telefonica, ci sono pompe di benzina ed è possibile incontrare bellissimi panorami della costa e Paso Robles Wine Country.Hearst Castle è regolarmente aperto ed accessibile ai visitatori. La strada migliore per raggiungere la località dall’area di Monterey è la Highway 101.

Fermarsi tra Big Sur e Raggedd Point è un'esperienza favolosa per godere di un panorama meraviglioso a perdita d'occhio. Da qui parte una splendida passeggiata sulla roccia scoscesa per raggiungers una grotta segreta o fare una passeggiata nei rigoglioso giardini del resort,di circa 700 metri chiamata Ragged Point Cliffside Trail .

La cucina californiana creata con prodotti stagionali e gli splendid tramonti fanno del Ragged Point Restaurant la meta ideale. Con i succulenti hamburger e gli hot dog allo stand dei panini nessuno avrà fame. E per fare un'esperienza completa suggeriamo di trascorrere la notte al resort con le sue camera con il camino acceso ed i balconi con vist sull'Oceano Pacifico.

Informazioni detttagliate della zona a sud di Big Sur sono disponibili su  Visit SLO CAL, San Luis Obispo County Visitors Bureau.  

Kodiak Greenwood

Post Ranch Inn ovvero strutture di lusso

Post Ranch Inn ovvero strutture di lusso
Trascorrete la notte in un ambiente suggestivo circondato da panorami infiniti

Big Sur vuol dire soprattutto natura, ma questo non significa che si debba faticare per visitare questa zona. Infatti questa area vanta alcuni degli alberghi più rinomati dello stato, con camere lussuosissime, spa e strutture di alto livello e indimenticabili esperienze culinarie. Al Post Ranch Inn, suite e residenze private sono miracolosamente sospese sulle scogliere, e le enormi finestre

"A Post Ranch Inn, suite e residenze private sono miracolosamente sospese sulle scogliere, e le enormi finestre"

panoramiche offrono viste ininterrotte del cielo e del mare. (Se volete osservare le balene dal vostro letto, avete trovato la meta ideale.) C’è anche un’auto di lusso a disposizione degli ospiti che hanno bisogno di trasferimenti locali e una navetta che vi accompagna lungo la costa di Big Sur.Sul lato opposto (verso l’interno) della Highway 1 trovate il Ventana Inn & Spa, un paradiso all’ombra delle sequoie con vasche da bagno in stile giapponese e ampie piattaforme di legno che vi regalano una sensazione di naturale leggerezza; potete anche prenotare una camera con un caminetto per sentirvi coccolati anche durante le notti nebbiose. Cenare qui è un’esperienza eccellente, con una particolare attenzione a ingredienti locali di stagione forniti da produttori locali. Qui e al Post Ranch potete cenare o prenotare un trattamento nella spa anche se non siete ospiti delle strutture: un bel modo di concedervi uno sfizio senza spendere cifre eccessive. 

Alexa Miller

Julia Pfeiffer Burns Parco Statale

Julia Pfeiffer Burns Parco Statale
Ammirate una cascata che precipita sulla spiaggia

Attenzione: il Julia Pfeiffer Burns State Park è attualmente chiuso. Controllate il sito del parco per aggiornamenti e informazioni sulle date di riapertura.

Cercate un tragitto breve ma ricco di soddisfazioni? Il viaggio di andata e ritorno di 1 km nel Julia Pfeiffer Burns State Park lungo il Waterfall Overlook Trail potrebbe essere il percorso al mondo che regala più soddisfazione con il minimo sforzo.  Il percorso, quasi privo di salite, termina di fronte all’oceano con viste perfette su McWay Falls, uno dei luoghi preferiti di un pioniere di Big Sur, Julia Pfeiffer Burns, la donna a cui è stato intitolato il parco. Diciamo che Julia aveva buon gusto. Il getto d’acqua precipita per circa 24 metri dalla cime di una rupe di granito verso l’insenatura sabbiosa sottostante (questa perfezione non è turbata neanche dalle orme nella sabbia: la spiaggia è chiusa al pubblico). Se vi sentite di fare una camminata più lunga, potete prendere l’Ewoldsen Trail, un percorso circolare di 3 km che scende e sale attraverso antiche sequoie e la flora tipica del chaparral, un tragitto che regala incessantemente viste mozzafiato lungo l’ascesa di 488 metri.

Alex Farnum

Ponte di Bixby

Ponte di Bixby
Attraversate uno dei ponti più ammirati della nazione

Attenzione: a causa delle recenti chiusure stradali, il ponte può essere raggiunto solo da nord.

Benvenuti alla versione Big Sur del Golden Gate, probabilmente il punto preferito dagli appassionati di Instagram lungo la costa di Big Sur. E per ottimi motivi. Potete sostare in numerosi punti e ammirare panorami splendidi, soprattutto dall’estremità meridionale del ponte, al tramonto. Completato nel 1932 con un costo di poco superiore a 200.000 $, questa campata di cemento è uno dei ponti più alti nel suo genere al mondo e si innalza di 79 metri dal fondo del ripido canyon scavato dal Bixby Creek. Se date un’occhiata alle pareti ripide e pericolanti del canyon vi renderete conto che la costruzione del ponte non è stata sicuramente una passeggiata. Per cominciare è stato necessario realizzare un’imponente struttura di legno, trasportando i materiali con i camion lungo quella che era una strada a una sola carreggiata piena di tornanti. Poi i costruttori hanno dovuto trasportare sull’impalcatura di legno un’enorme quantità di sacchi di cemento (45.000), prima che fosse possibile disporre di macchinari per il sollevamento dei pesi. Ogni sacco fu trasportato mediante un sistema di piattaforme e imbracature sospese con cavi a 91 metri d’altezza sul torrente. Paradossalmente, la campata del ponte fu terminata prima della strada e ci vollero altri cinque anni prima dell’inaugurazione del tragitto di collegamento tra Carmel e San Luis Obispo. 

Kodiak Greenwood

Istituto Esalen

Istituto Esalen
Alla ricerca dell’equilibrio interiore in un rifugio leggendario

Attenzione: l’Esalen Institute è stato interessato dalle recenti chiusure stradali. Controllate il suo sito internet ufficiale per novità sulle riaperture e per avere indicazioni su come arrivarci.

Se volete avere una conferma dello spirito libero, anticonformista, di Big Sur, l’Esalen Institute è il luogo che fa per voi. Ogni anno vengono organizzati più di 400 workshop in questo centro dedicato alla trasformazione personale e sociale, su argomenti vari come la scrittura di canzoni, la comunicazione di coppia e la cosmologia degli sciamani. Un po’ eccessivo per i vostri gusti? Gli ospiti sono i benvenuti, anche per fermarsi senza la necessità di partecipare ai workshop, e sono liberi di muoversi negli 11 ettari che costituiscono questa proprietà, di prenotare un massaggio, di adagiarsi nelle vasche sospese sulle scogliere, alimentate da sorgenti termali calde, e di gustare i pasti preparati con ingredienti raccolti nell’orto della struttura. Anche se non siete ospiti del centro, potete comunque prenotare una seduta nelle vasche d’acqua calda (è necessario prenotare in anticipo). Tenete però presente che i costumi da bagno sono facoltativi e che dovrete prepararvi a un’esperienza notturna: le vasche sono a disposizione dei non residenti solo dall’una alle tre di notte.

Thomas H. Story/ Sunset Publishing

Ristorante panoramico Nepenthe

Ristorante panoramico Nepenthe
Cena e relax con un panorama eccezionale

A Big Sur, solo i gabbiani possono ammirare panorami migliori di quello offerto da questo ristorante in cima alle scogliere e che lo rende una meta irrinunciabile. Anche chi abita in zona viene qui, attirato dall’ambiente estremamente rilassato creato dai proprietari originali nel 1949, la stessa famiglia che ancora oggi possiede e gestisce il locale. E naturalmente anche loro vengono qui per il panorama. Ammiratelo da una sedia sul patio, oppure entrate nell’edificio principale progettato da uno studente di Frank Lloyd Wright e ispirato allo stile di quel grande architetto, che puntava alla perfetta integrazione delle strutture nell’ambiente circostante. E poi qui al Nepenthe l’epoca della Beat Generation e del movimento hippy di Big Sur è ancora viva. Se fate due passi nello splendido bar o vicino ai falò all’esterno, potrete sentire echeggiare nomi come Kerouac nelle conversazioni, conversazioni che a volte sono ricordi vivi di quel tempo. Potete anche portarvi a casa un pezzo dello stile Big Sur: il negozio di souvenir Phoenix at Nepenthe offre gioielli realizzati a mano, oggetti in ceramica e anche strumenti musicali (magari per un perfetto cerchio di tamburi...).

Attenzione: a causa delle forti piogge cadute all’inizio dell’anno, alcuni tratti della leggendaria autostrada Highway 1 sono attualmente chiusi, inclusa l’area che interessa l’ingresso al Nepenthe. A questo proposito, il Post Ranch Inn nella zona di Big Sur ha organizzato un servizio di trasporto in elicottero dal nome “Escape Through the Skies” (“Una fuga tra le nuvole”) che sarà disponibile fino alla fine del mese di giugno 2017. Questo pacchetto speciale include la possibilità di cenare presso il resort Sierra Mar e di usufruire di trasporti gratis a bordo della Lexus Hybrid dell’hotel fino al Nepenthe, con la possibilità di raggiungere anche il Phoenix Shop e la Hawthorne Gallery, molto amati dai locali. Ulteriori servizi e pacchetti potranno essere disponibili durante l’estate: per informazioni controllate il sito internet del Post Ranch Inn.

Limekiln Falls by Carson/Flickr

Parco Statale Limekiln

Parco Statale Limekiln
Una visita a storici forni da calce e un giro in spiaggia

Attenzione: Il Limekiln State Park è stato interessato dalle chiusure stradali dei percorsi che portano al Big Sur. Controllate il sito del parco per le ultime novità.

Com’è suggerito dal nome, il Limekiln State Park (“limekiln” significa “forno da calce”) un tempo era la sede di una fiorente attività di produzione della calce, e alcune brevi camminate vi consentono di esplorare i resti di quattro forni. Secondo i resoconti storici, alla fine degli anni Ottanta del XIX secolo il calcare veniva raccolto da alcune formazioni naturali in un vicino pendio, per essere immesso negli imponenti forni di ferro e pietra. Il calore intenso dei forni alimentati con il legno delle sequoie consentiva di estrarre calce pura, un componente fondamentale per la produzione del cemento che veniva utilizzato per costruire gli edifici a nord di Monterey. I proprietari chiusero i forni una volta esauriti calcare e il legno delle sequoie. La foresta si è lentamente ripresa e le sequoie cresciute successivamente in questo parco oggi consentono di godere di una sosta piacevole e ombreggiata (e anche con un passato interessante). Potete fate un’escursione fino a Limekiln Falls o scegliere una meta meno impegnativa: la sabbia della spiaggia del parco. Ci sono anche 28 campeggi.

Pfeiffer Big Sur State Park courtesy of CTTC

Parco Statale Pfeiffer Big Sur

Parco Statale Pfeiffer Big Sur
Escursioni nelle foreste di sequoie verso il Big Sur River

Attenzione: Il Pfeiffer Big Sur State Park è aperto con accesso limitato. Sono disponibili spazi per il campeggio organizzati secondo il principio  “primo arrivato, primo servito”. Controllate il sito del parco per ulteriori informazioni.

La zona costiera di Big Sur rappresenta l’habitat più meridionale delle sequoie della costa californiana. Questo splendido parco è l’occasione ideale per sperimentare la profondità della loro ombra e la loro bellezza, simile a quella di una cattedrale. All’origine del parco c’è una proprietà: John Pfeiffer si stabilì qui su un’area di circa 65 ettari (il suo cottage del 1884, che si trovava inizialmente sospeso sulla Big Sur River Gorge, è stato ricostruito lungo il Gorge Trail del parco).

Negli anni Trenta, la terra della Pfeiffer divenne il nucleo originale di questo meraviglioso parco. Una piccola ma invitante rete di percorsi si dirama attraverso i 405 ettari della riserva. Molti percorsi di questa zona sono stati temporaneamente chiusi a causa dei danni arrecati dal fuoco e dalle alluvioni; controllate il sito internet o la pagina Facebook del Pfeiffer Big Sur State Park per le ultime novità sulla riapertura dei percorsi. Prolungate la vostra permanenza fermandovi al semplice Big Sur Lodge, oppure prenotate una piazzola in un campeggio sulle rive del fiume (ci sono molte prenotazioni anche con grande anticipo, soprattutto nei mesi estivi di maggiore afflusso, per cui agite per tempo).

Terry Way

Biblioteca Henry Miller Memorial

Biblioteca Henry Miller Memorial
Scoprite una leggenda della letteratura in questo centro culturale

Attenzione: A causa della chiusura delle strade, la Henry Miller Memorial Library è attualmente inaccessibile, ma la Henry Miller Library presso il Barnyard a Carmel continua ad essere aperta.

La Henry Miller Memorial Library è il cuore e l’anima culturale di Big Sur, creata in onore del scrittore americano da cui prende il nome e che considerò Big Sur casa sua tra il 1944 e il 1962; la libreria è descritta come un luogo “dove non accade nulla”. Durante l’inverno è un posto tranquillo, dove potete aggirarvi tra i libri (comprese le influenti opere di Miller come Tropico del Cancro) e godervi una tazza di caffè. Ma da maggio a ottobre il calendario è fitto di appuntamenti, con esibizioni dal vivo ed eventi speciali, come il Big Sur International Short Film Screening Series che si tiene ogni anno all’interno e nei dintorni di questo rifugio costiero. Inoltre, 300 fortunati spettatori possono assistere a performance musicali private dal vivo, con artisti del calibro di Band of Horses e Red Hot Chili Peppers, organizzate in un rigoglioso bosco di sequoie adiacente alla libreria.

Thomas H. Story/ Sunset Publishing

Dove mangiare a Big Sur

Dove mangiare a Big Sur
Mangiare, bere e ammirare il panorama

Per partire con il carburante giusto per le vostre escursioni a Big Sur e dintorni, almeno una mattina è un’ottima idea fare colazione con il caffè forte, le uova locali e il pane tostato di lievito naturale del Big Sur Bakery and Restaurant. Questo originale ristorante, situato dietro il distributore di benzina in un edificio rustico e bizzarro, serve anche la cena, compresa una superlativa pizza cotta nel forno a legna. Per gustare l’originale Ambrosia burger, accompagnato da un panorama fantastico, andate a Nepenthe, con la sua vasta pedana in legno con vista sul Pacifico: godetevi le patatine fritte e la birra e fermatevi fino al tramonto. Per una serata elegante (che a Big Sur significa di solito vestirsi in modo presentabile e non presentarsi in infradito), prenotate un tavolo al ristorante Post Ranch Inn’s di Sierra Mar (considerate la possibilità di regalarvi il menu degustazione di nove portate Taste of Big Sur), oppure accomodatevi nell’ambiente in stile rustico del ristorante di Ventana Inn & Spa, specializzato in piatti della cucina americana preparati con ingredienti locali.

Trip 5-7 giorni 10 stops

Itinerario classico lungo la costa del Pacifico

Un viaggio lungo la Highway One, il cuore pulsante della California

Prima tappa una delle destinazioni più soleggiate della California, non solo in termini di clima, ma anche di atmosfera. Si parte dal cuore della città, per un po’ di shopping a Horton Plaza e per sentirsi un po’ americani assistendo ad una partita di baseball al Petco Park. Un saluto ai...

San Francisco

Concludete il vostro viaggio esplorando una delle città più belle del mondo. Famosa per le grandi case in stile vittoriano, i suoi classici cable car, la sua accettazione del diverso, il bel lungomare e il famoso ponte rosso, alla “City by the Bay” non manca veramente nulla. La sua cucina di...

Ted Drake/Flickr

I condor della California a Big Sur

I condor della California a Big Sur
Un tempo sull’orlo dell’estinzione, i più grandi uccelli del Nordamerica sono tornati a volare

È difficile immaginare un uccello con un’apertura alare lunga quanto la vostra auto (o di più, se avete un’utilitaria). Ed è un’immagine che sarebbe scomparsa per sempre dalla California, se non ci fosse stato un grande impegno per la difesa di questo volatile. Fortunatamente, il magnifico condor della California, che dipinge ampi cerchi nel cielo con ali che possono raggiungere 3 metri di ampiezza da punta a punta, è stato salvato dall’estinzione. Verso la fine degli anni Ottanta erano sopravvissuti solo 25/30 esemplari di condor allo stato selvatico.

Grazie a un intenso sforzo per la riproduzione degli esemplari in cattività di questa specie in condizioni critiche, con la collaborazione di Ventana Wildlife Society e degli zoo di San Diego e Los Angeles, oltre che di altre organizzazioni, i condor sono stati lentamente reintrodotti nell’ambiente naturale. Oggi circa 300 esemplari di questi grandi uccelli solcano i cieli di California, Arizona e Messico. Uno dei punti migliori per osservarli si trova a Big Sur. Se scorgete un gruppo di auto parcheggiate lungo la strada con i passeggeri che guardano verso l’alto dai finestrini, magari usando dei binocoli o sistemando un telescopio, probabilmente ci saranno uno o due condor che volano nella zona. Fermatevi anche voi: potrebbe essere un’occasione più unica che rara. Ma speriamo di no.